Rifiuti. Susinno: “Chi rema contro il passaggio di 94 lavoratori da Reset a Rap?”

Dichiarazione di Marcello Susinno, consigliere comunale di Sinistra Comune.

(Palermo, 11/08/2020) – “Chi rema contro il passaggio di 94 lavoratori da Reset a Rap? È una domanda legittima: infatti appare incomprensibile la ragione per la quale un iter avviato nel 2016, con la condivisione del sindaco, continua ad essere bloccato.
È necessario completare il passaggio di questi lavoratori per il bene della città, che continua ad essere sporca, e alla luce del nuovo contratto di servizio che assegna a Rap il servizio per 15 anni.

Purtroppo alcune zone della città vivono una cronica emergenza rifiuti dove cataste di spazzatura mettono a dura prova il rispetto delle condizioni igienico sanitarie, ciò frutto anche di un’inciviltà diffusa. La presenza di nuova forza lavoro potrebbe certamente apportare un beneficio. È evidente che l’azienda è in forte affanno ed il Consiglio comunale ha anche approvato un mio ordine del giorno che individuava nella mobilità interaziendale lo strumento per dare risposte alle carenze di organico della Rap che, negli ultimi anni, ha visto ridurre di oltre 300 unità il proprio organico.

Non comprendiamo dove si sia bloccato il percorso e perché Rap non acceleri questa procedura. Ho ulteriormente sollecitato il vicesindaco Giambrone e il presidente Norata affinché si chiuda questa vicenda. Tutto ciò anche a tutela dell’Amministrazione comunale al fine di evitare possibili disservizi imputabili alle carenze di organico, considerato che l’Anpal ha espresso il suo parere favorevole alla mobilità di questi lavoratori.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...