Report Gruppo Ideazione Ambiente Ecologia Mobilità del 7 Luglio 2017

Il 7 luglio è tornato a riunirsi il Gruppo Ideazione Ambiente Ecologia Mobilità di Sinistra Comune, per cominciare a concretizzare, sulla base del programma condiviso nell’EcoBook, le nostre prossime iniziative. La discussione, che ha affrontato una panoramica sui diversi punti programmatici da attuare sulla base dei processi partecipativi che vogliamo attivare, si è concentrata poi su alcune proposte da sottoporre all’Assemblea.

Partendo dalla considerazione che il nostro programma vada al più presto condiviso ed attuato con la Giunta di governo, individuando priorità e modalità, ci sembra opportuno proporre di organizzare un’iniziativa pubblica, per incontrare gli assessori e consegnare loro il nostro programma, illustrandolo brevemente ed avviando insieme ai cittadini un confronto sulle priorità da mettere in campo nei primi 100 giorni di governo.

Tra queste, riaprire la discussione sul decentramento, sulle modifiche dello statuto comunale e sull’istituzione delle consulte, (già avviato in commissione, nella precedente legislatura), sul Piano Regolatore Generale e sui servizi pubblici partecipati ci sembrano preliminari, perché dal metodo di consultazione/proposta permanente con la cittadinanza si possa avviare la rivoluzione cultuale che auspichiamo. Le Case Comuni della Partecipazione da istituirsi nei diversi quartieri sono i luoghi in cui, in collaborazione con le circoscrizioni, la città progetta se stessa con una lente in scala locale, in base alle esigenze ed aspirazioni della collettività. Per questo, oltre a lavorare per creare le condizioni necessarie alla loro istituzione formale, è necessario individuare gli spazi opportuni e le metodologie con cui da subito coinvolgere i cittadini sulle diverse problematiche e sulle possibili soluzioni. Anche temi complessi come il PRG, la mobilità, le partecipate, declinati su scala locale, attraverso l’ascolto, possono fornire indicazioni utili a risolvere problemi concreti.

Le proposte per l’Assemblea

Organizzazione incontro pubblico con assessori e sindaco, invitando presidenti di circoscrizione, consiglieri e cittadini. Si formula l’ipotesi di far coincidere l’iniziativa con la festa di sx comune a tema partecipazione. Ricognizione dei beni comunali e/o confiscati per quartiere, per individuare potenziali sedi delle Case Comuni della Partecipazione. Studiare e strutturare un programma di pratiche partecipative da lanciare per settembre. Organizzare incontri tematici, in prima battuta utilizzando e coinvolgendo le circoscrizioni.

In ultimo il tavolo ha deciso all’unanimità di affiancare a Salvo Troncale, Antonella Leto, come secondo componente del coordinamento.

#AbbiamoUnEcoPiano che pedala! Tour in bici con Sinistra Comune

bitmap

#AbbiamoUnEcoPiano! E anche due gambe per pedalare e portare in giro per la nostra città, le idee, gli entusiasmi, le proposte di Sinistra Comune per Palermo.

Il programma di Sinistra Comune va benissimo sulle due ruote a pedali, così come su tutti mezzi della mobilità sostenibile.

Tutte le nostre proposte, infatti, si basano sulla cura e l’educazione al bene comune, sul rispetto della natura e la sostenibilità delle scelte, qualsiasi esse siano, dal piano ecologico a quello economico-sociale. Le nostre proposte, su ambiente ed ecologia, sono raccolte in un libro verde che si chiama proprio #AbbiamoUnEcoPiano.

Bellezza, qualità della vita, sport e salute, sostenibilità: basta poco per rendere queste parole degli imperativi del buon vivere di comunità e di cittadinanza, per tutti e in ogni luogo.

E allora unitevi a questa pedalata cittadina! Si parte alle 16,30 da Piazza Castelnuovo, nei pressi del Palchetto della musica e si proseguirà secondo un itinerario di circa 12 km, che passa per alcune delle principali vie cittadine. Qui trovate l’intero percorso: https://goo.gl/GCxNME.

Potete unirvi nel punto dell’itinerario a voi più congeniale e ricordate di indossare una maglietta rossa per incrementare questa massa colorata e pedalante di uomini e donne che credono già in una città felice, ecologica e in cui le differenze sono il vero valore di ricchezza e prosperità da preservare e rafforzare.